Lodigiano/Luoghi

Santuario dell’Incoronata, perla di Lodi

Incoronata Lodi 0

Il Tempio Civico dell’Incoronata, il Santuario incastonato nel centro di Lodi, è un luogo prezioso, sia per il prestigio che regala alla città, sia per la bellezza emozionante che rapisce i visitatori non appena varcano la soglia, interdetti dal contrasto tra la sobrietà esterna della struttura e la ricchezza degli interni.
La storia dice che in Via dell’Incoronata – un tempo contrada Lomellina – c’era un luogo di malaffare, un postribolo, una taverna frequentata da prostitute e gente poco raccomandabile. La tradizione dice poi che, durante una rissa tra ubriachi nel mese di settembre del 1487, la Madonna incoronata ritratta in un affresco trecentesco sul muro della taverna iniziò a lacrimare e a parlare (una voce disse: “Cessino ormai tante liti e lascivie, e casa così impura sia alla mia Pudicizia consacrata”), tanto che i fedeli chiesero l’edificazione di un tempio mariano che celebrasse gli eventi e redimesse il luogo.
L’incarico venne affidato all’architetto lodigiano Giovanni Battagio, allievo del Bramante, ma l’edificio venne completato con il contributo di molti altri artisti di grande prestigio: l’opera lignea dei fratelli Lupi (ora custodita nel Castello Sforzesco di Milano), il campanile del Dolcebuono, gli affreschi dei fratelli Della Chiesa, le pitture dei Piazza, il coro affrescato dal Legnanino e da Andrea Lanzani.
Nel corso dei secoli furono molti gli interventi di manutenzione e rinnovo, e nuovi influssi artistici (soprattutto barocchi) arricchirono il fascino del Santuario che, con la sua pianta ottagonale e i colori dell’oro e del blu, proiettano i visitatori in un’atmosfera magica, come nel centro di una ricca e rigogliosa volta celeste.
Guardando in alto, verso la cupola, si viene avvolti da luce, riflessi e proiezioni grazie anche alle bifore del matroneo e all’armonia dell’architettura intorno. Nei sotterranei del Santuario – un tempo adibiti a locali di servizio – il Museo del Tesoro, realizzato nel 1988 in occasione delle celebrazioni del cinquecentenario (la prima pietra con impresso lo stemma di Lodi venne infatti posata il 28 maggio 1488).
L’Incoronata è un simbolo importantissimo del Rinascimento Lombardo, la dimostrazione di quanto il Lodigiano fosse culturalmente attivo in quei secoli: un richiamo per come vorremmo che fosse ancora oggi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...